La shortlist degli ADCI Awards

ADCI AWARD 2011
Ecco l’elenco di tutti i lavori scelti dalle giurie degli ADCI Award e che saranno pubblicati nel prossimo Annual dell’ ADCI Art Directors
Club Italiano.

Tra premiati e short list le giurie, presiedute da Andrea Stillacci, hanno selezionato l’11,03% dei partecipanti nelle categorie classiche. Il 26,2% nel design e il  35,41% nell’area online e digital media.

La shortlist è scaricabile qui:

http://adci.it/news.php?id=67&idN=31

Annunci

Un giorno da giurati: Andrea Stillacci scrive a Massimo Guastini

Andrea Stillacci, reduce dal lavoro di Presidente delle Giurie ADCI Awards di sabato 21 aprile, ha scritto questa lettera a Massimo Guastini, Presidente ADCI, tirando le somme della giornata di lavoro:

I lavori della Giuria sono durati nove ore.
Nove ore in cui, tutti insieme, abbiamo visto, rivisto, selezionato e celebrato le idee migliori del 2010. Nove ore che sono volate, nell’atmosfera più costruttiva e amichevole che si potesse immaginare.

Viste le sciabolate che quotidianamente sventrano forum e blog, mi sarei aspettato un coacervo di cordate, tranelli, occhiatacce, trame machiavelliche e goffi sgambetti. Invece nulla. Solo un gruppo di persone, di colleghi, di amici accomunati dalla voglia di approfondire, di discutere e di confrontarsi con un unico, semplice, chiaro obiettivo: fare il migliore Annual possibile.

Un primo passo verso una nuova serenità che non potrà che fare bene al Club.
Voglio ringraziare Massimo, Biffi, il Consiglio e tutto l’ADCI per la piacevolissima accoglienza.

È un vero piacere sentire questa voglia di fare e questa energia.

Mai come ora, il mercato italiano ha bisogno di
creativi che amino questo mestiere più di se stessi.

Un caro saluto a tutti
Andrea

Qui il sito dell’agenzia fondata da Andrea Stillacci, Herezie.

I giurati degli ADCI Awards 2011

Ecco  la lista dei giurati che stanno selezionando la migliore pubblicità italiana del 2010, per i prossimi ADCI Awards.

Giurie ADCI Awards 2011

Presidente della giuria Andrea Stillacci

Agnello Dario
Albanese Luca
Anzani Fabio
Baccari Alberto
Bertelli Bruno
Boccassini Cristiana
Boscacci Davide
Bozza Francesco
Campora Stefano
Cesano Paolo
Cinti Maurizio
Citterio Alberto
Collini Bosso Rosemary
Cornara Guido
Cremona Marco
Del Pizzo Gaetano
Di Bruno Serena
Fontana Aureliano
Gallardo Hugo
Gasbarro Vincenzo
Gitto Vicky
Gonni Pier Giuseppe
Grasso Michela
Guerrera Francesco
Lampugnani Nicola
Lorenzini Luca
Maestri Pietro
Mainoli Flavio
Marcellini Cristina
Orlandi Alessandro
Pannese Luca
Ricci Daniele
Rossi Davide
Sabini Alessandro
Scotto di Carlo Luca
Silva German
Simonetti Francesco
Taddeucci Francesco
Tonnarelli Cristiano
Venturelli Marco
Viganò Marco
Vohwinkel Bruno
Zamboni Luca

Aggiornamento (14 Aprile 2011): alla giuria ADCI Awards va aggiunta Stefania Siani, rimasta fuori dall’elenco per un ritardo nell’ aggiornamento dei Credit)


Giuria Web

Brunori Alex
Comino Luca
Cotti Leonardo
Di Battista Antonio
Longo Massimiliano Maria
Marini Patrizio
Musilli Manuel
Musto Gaetano
Righi Matteo
Spaccapeli Vincent

Ecco i nomi dei giurati della Giuria Design (tre giurati sono nominati dall’Aiap, Associazione Italiana Progettazione per la Comunicazione Visiva) Aggiornamento (14 Aprile 2011):

Giuria Design

Presidente della giuria: Giuliano Garonzi

Claudia Neri                  ADCI
Till Neuburg                  ADCI
Giuseppe La Spada      ADCI
Angelo Ferrara
Annalisa Gatto             AIAP
Natalia Corbetta          AIAP

Giurie e anonimato: i pettegolezzi degli anonimi sono la Bocca della Verità?

Poco tempo fa qui è partita quella che sembrava una vibrata denuncia del lavoro delle Giurie dei Giovani Leoni.

Ho fatto la cosa più ovvia e banale, per un rappresentante dell’ADCI: ho chiesto che la cosa venisse documentata per procedere a una verifica dei lavori della giuria.

Da quel che emerge dal resto della discussione, in realtà la pseudo-denuncia era semplicemente l’espressione della delusione di qualcuno che avrebbe preferito veder vincere un altro lavoro.

Semplici opinioni personali, espresse da un anonimo non in forma di legittima critica ma in forma inutilmente diffamatoria e offensiva.

Ora vorrei che qualcuno degli strenui difensori dei pettegolezzi anonimi e delle coltellate online dietro le spalle rispondesse a questa domanda:

Come mai, di fronte al lavoro di giurie composte da noti professionisti salta sempre fuori qualcuno che – spesso senza nessun elemento concreto in mano – fa ipotesi di pastette e collusioni quando i risultati non corrispondono alle sue idee, mentre i pettegolezzi degli anonimi sarebbero la Bocca della Verità?

Ripeto con parole più semplici per gli anonimi che commentano senza leggere:

come mai giurie di persone che si firmano sarebbero meno credibili delle pasquinate anonime?

Vorrei che qualcuno, partendo proprio da questo caso, in cui una pseudo-denuncia in realtà era solo la maldestra espressione di un’opinione individuale, argomentasse a favore del pettegolezzo anonimo.

Oppure bisognerebbe fare un distinguo fra utilizzo legittimo dell’anonimato (quando ad esempio c’è il reale pericolo di ritorsioni) e utilizzo opportunistico (quando ad esempio serve per diffondere malignità gratuite). C’è anonimato e anonimato.

Il punto di vista del Presidente ADCI sulle giurie degli ADCI Awards

Il tema delle giurie viene eternamente discusso e purtroppo non esiste un sistema ideale. In tutti i casi, questo post ha lo scopo di dare un riferimento univoco su quello che è il punto di vista di Massimo Guastini sul tema, che non è prioritario nei suo programma anche se comunque ha importanza per la vita del Club.

Qui le considerazioni fatte da Massimo Guastini in qualità di candidato alla presidenza ADCI, il 20 gennaio 2011, quindi un mese prima di essere eletto Presidente dell’Art Directors Club Italiano.

E qui un suo commento sul tema, in risposta ad alcune osservazioni anonime, su Bad Avenue, il blog di Donald Draper.

In sintesi le giurie del prossimo ADCI Awards verranno necessariamente organizzate secondo la vecchia modalità, molto discussa a suo tempo. Questo significa che quindi, probabilmente i risultati genereranno altrettante discussioni (come succede peraltro con tutti i premi, che spesso hanno uno strascico di polemiche, talvolta strumentali).

Massimo Guastini ha comunque espresso pubblicamente le sue idee molto tempo prima di essere eletto, quindi la sua elezione implica anche la fiducia nella capacità di gestione, sua e del nuovo consiglio, per le giurie ADCI, non necessariamente nel solco della conservazione.

Va comunque sempre sottolineato il fatto che meccanismi di giuria perfetti non esistono e che l’organizzazione delle giurie sottostà anche a costrizioni di tempo e di risorse (molte cose che “sarebbe bello fare” non si possono fare per motivi di tempo o di costi).