About Matteo Righi

Creative Director di Dnsee con un passato in Hagakure, Wunderman e ARC Leo Burnett. Tifoso del Bologna FC, dei social media e dei progetti partecipativi.

Abbiamo fatto le valigie.

Ci trovate nel blog dell’ADCI.

Annunci

[Update] Anna Maria, Pasquale e pasquale tra i primi 35 influencer italiani su Facebook.


.

[Update – 26 aprile 2011] Per eccesso d’entusiasmo vi abbiamo rilanciato una notizia che si è rivelata non troppo attendibile; tanto è vero che sono anche spariti i link di riferimento.

L’ADCI nutre comunque il massimo rispetto per i soci Testa, Barbella e Diaferia, che ritiene persone influenti nella loro professione al di là di Facebook.


Per la prima volta in Italia, grazie al lavoro di LutherBlisset Web e Socialseeker, è stata stilata la classifica dei primi 35 influencer su Facebook e dei 15 blog più seguiti nel nostro Paese.

I nomi (e i cognomi) li trovate nell’articolo di Corriere Informazione, ripreso anche da Pubblicità Italia. Quello che fa piacere a noi dell’ADCI è di avere tra i 35 influencer su Facebook ben 3 soci ADCI: Anna Maria Testa, Pasquale Barbella e Pasquale Diaferia. Complimenti per il loro lavoro in rete.

Foursquare Day, la prima italiana: si festeggia a Milano e Bologna il 16 aprile.

.

Il Foursquare Day è nato l’anno scorso a Tampa in Florida da alcuni utenti in maniera spontanea. Quest’anno Foursquare ha deciso di rendere ufficiale il giorno 16 Aprile (4/42: il  quarto mese dell’anno, il quarto giorno al quadrato – 4 squared) come la data in cui si celebra il Foursquare Day e di festeggiarlo assieme alle sue community con tanto di badge dedicato e di gadget per gli eventi certificati.

Per chi ha sentito parlare di Foursquare distrattamente questo non gli dirà nulla, ma per i pionieri che hanno incominciato a sperimentare e a usarlo tutti i giorni e si sono intossicati è giunto il momento di festeggiare alla grande: il Foursquare Day quest’anno si terrà anche a Bologna e Milano.
Milano è già la terza città al mondo per numero di partecipanti previsti ed un bel segnale di interesse verso l’applicazione in una penisola che a volte sembra poco sveglia ma che è comunque ben attrezzata in fatto di smartphone.

La partecipazione di Bologna è riservata a 50 persone (le informazioni qui) mentre è apertissima quella di Milano.
A partire dalle 19, in Via Tortona 37, presso il Tweet Bar di Y&R, gli 4squared e chiunque ne voglia sapere di più è invitato a partecipare (potete pre-registrarvi qui), per una birra in compagnia a parlare di di geolocalizzazione, di location-based, di community, app, mobile e sn, e delle loro applicazioni in advertising, ma soprattutto per conoscere di più Foursquare, un social network che, con una crescita del 3200% nel 2010, ha ora 8 milioni di appassionati nel mondo.

L’ADCI che patrocina l’evento continuando a subire il fascino delle nuove tecnologie, invita tutti i soci sabato 16 aprile per un check-in in via Tortona 37 a Milano.

In attesa di fare check-in alla sede del Club, alle Giurie o alla prossima assemblea, ci vediamo là?


A Bologna il 4SQDay è organizzato dall’Osservatorio Foursquare Italia, Mimulus e we are social.
A Milano da Y&R Brands, Hagakure e Ambito5.

Qualche gluteo in meno e qualche idea in più?

Il mitico Pasquale Barbella, in un one-liner nella mailing list dell’ADCI, ci regala il link a questo articolo de La Ventisettesima Ora del Corriere della Sera che voglio condividere con voi.
L’attuale Consiglio, approvando totalmente il Programma di Massimo Guastini e con le azioni successive, si è dato parecchio da fare su questo tema e lo leggete anche in questo blog.

Mi piace l’iniziativa delle ragazze di Non chiederci la parola, casa di produzione video che ha come obiettivo raccontare il mondo attraverso gli occhi delle donne con autenticità, ironia e leggerezza.

Mi piace che non vogliano accontentarsi del trucco anni ’80 insegnato nelle scuole di pubblicità: «Se non avete idee, mettete una donna o un bambino» e visto che “a mettere freno sui bambini ci ha pensato qualche legge”, come dicono nell’articolo, a mettere freno all’abuso del corpo della donna in pubblicità mica dovrà pensarci solo Massimo e il Consiglio ADCI?

Il link al sito delle ragazze è qui.

Live from SXSW, Austin, Texas

Dall’11 al 15 marzo 2011, Matteo Sarzana, GM di VML Italia e grande appassionato della rete, ci racconta quanto sta succedendo al South by Southwest Film Conference and Festival di Austin in Texas.
Il SXSW è un festival musicale, cinematografico e delle tecnologie emergenti che ha luogo ogni primavera ad Austin e che quest’anno celebra il venticinquesimo anniversario. Dal 1994, le conferenze nel campo interattivo, hanno fatto del Festival il luogo ideale per il lancio di tecnologie digitali emergenti.
Attraverso il suo blog, e alla pagina Facebook di VML, Matteo ci rende conto in tempo reale degli highlight delle conferenze alle quali sta partecipando. I primi sono quelli relativi agli speech del CEO di Flipboard, della game designer Jane McGonigal, su New Search ideas e Augmented reality e Advertising.
Un’ottima occasione per gli appassionati di questi temi per seguire l’evento a distanza.

 

Aggiornamento: Anche Ted Disbanded parla qui di SXSW.

Eletti i vincitori dei Giovani Leoni 2011

Si sono svolte presso la sede della Sipra di Corso Sempione le Giurie dei Giovani Leoni 2011.

I giurati presenti, tranne un paio che hanno dovuto rinunciare all’ultimo minuto, si sono suddivisi come previsto per giudicare i circa 200 lavori iscritti nelle categorie TV, Press&Outdoor e Cyber.

Le giurie, dopo circa tre ore e mezzo di lavoro, hanno scelto i vincitori che verranno premiati il 21 marzo in un evento organizzato da Sipra/Sec e l’ADCI.

A questo link alcune foto fatte durante la serata.

C’è culo e culo?

In questi giorni di inizio mandato del nuovo Consiglio ADCI uno dei temi più dibattuti è stato l’uso del corpo delle donne in pubblicità, scatenato dalle affissioni di Silvian Heach.
Se n’è parlato oltre che nella lista del club anche in questo blog nel post scritto da Massimo, in quello di Gianni Lombardi e a proposito del delirante punto di vista di Oliviero Toscani.

Oggi andando al lavoro, sugli autobus della 90 nella circonvalla di Milano, ho visto la dinamica dei materassi Pirelli by Gruppo Formenti (nella foto) e mi sono chiesto: quale culo è più gratuito, quello di Silvian Heach o quello di Pirelli?

Le foto di Terry Richardson – che tanto scandalo hanno provocato – sono realizzate da un fotografo che è considerato da molti un artista e fanno parte di uno shooting come se ne vedono in quasi tutte le riviste di moda, basta guardare le altre foto del servizio. Il culo delle affissioni censurate è abbozzato, intravisto, rappresenta la provocazione di una ragazza birichina come birichino vuole essere il marchio che pubblicizza. Quello di Pirelli, cosa rappresenta? C’è un’idea creativa dietro degna di mostrarlo nella sua totalità? Qualcuno si indignerà allo stesso modo?

Vuoi vedere che c’è davvero culo e culo?