C’è culo e culo?

In questi giorni di inizio mandato del nuovo Consiglio ADCI uno dei temi più dibattuti è stato l’uso del corpo delle donne in pubblicità, scatenato dalle affissioni di Silvian Heach.
Se n’è parlato oltre che nella lista del club anche in questo blog nel post scritto da Massimo, in quello di Gianni Lombardi e a proposito del delirante punto di vista di Oliviero Toscani.

Oggi andando al lavoro, sugli autobus della 90 nella circonvalla di Milano, ho visto la dinamica dei materassi Pirelli by Gruppo Formenti (nella foto) e mi sono chiesto: quale culo è più gratuito, quello di Silvian Heach o quello di Pirelli?

Le foto di Terry Richardson – che tanto scandalo hanno provocato – sono realizzate da un fotografo che è considerato da molti un artista e fanno parte di uno shooting come se ne vedono in quasi tutte le riviste di moda, basta guardare le altre foto del servizio. Il culo delle affissioni censurate è abbozzato, intravisto, rappresenta la provocazione di una ragazza birichina come birichino vuole essere il marchio che pubblicizza. Quello di Pirelli, cosa rappresenta? C’è un’idea creativa dietro degna di mostrarlo nella sua totalità? Qualcuno si indignerà allo stesso modo?

Vuoi vedere che c’è davvero culo e culo?

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...