Questo blog. Istruzioni per l’uso

Su Bad Avenue, il controverso e brillante blog del misterioso Donald Draper, avevo postato un commento finalizzato a dare la notizia di questo blog del Consiglio Adci attraverso un canale che nel mondo della pubblicità italiana ha conquistato una sua importanza.

Subbuteo Champ ha commentato a sua volta: “Ma vedi Gianni, non vorrei smontarti, ma siete un po’ meno interessanti di Bad Avenue. A partire dal nome: siete antichi e forzatamente spiritosi, segno che siate stati punti sul vivo quando vi hanno definiti Armata Brancaleone. Ci può stare, specie per chi non è abituato
a stare nei luoghi in cui si decide qualcosa. Per i tornei di Subbuteo però è perfetto.
Good Luck!”

Questo offre lo spunto per utili precisazioni. Utili e, ahimé, noiose. Chi cerca scrittura brillante può cliccare altrove perché adesso si parla di lavoro.

Lo scopo di questo blog non è essere più interessante di Bad Avenue, né di fargli la guerra online per strappargli lettori, né delegittimarlo. Anzi, consideriamo Bad Avenue una potenziale fonte di critiche costruttive.

Però questo blog è uno strumento di lavoro di gruppo. Ogni tanto può essere divertente, ogni tanto noioso. Come il lavoro.

Lo scopo è condividere le attività del consiglio Adci, prima di tutto fra consiglieri, e poi con i soci e con coloro che hanno a cuore il settore professionale. Lo scopo è anche avere feedback serio (non pettegolezzi, non battutine, non frecciatine pro o contro, che in Bad Avenue forse fanno colore, ma qui non servono a niente).

Lo scopo è, man mano che si procede, condividere le informazioni per aggiustare il tiro, lavorare meglio, correggere eventuali errori, coninvolgendo anche e di più i soci lontani da Milano e Roma. Magari fra tre mesi chiuderemo il blog perché non serve a niente, oppure scopriremo di avere avviato uno strumento utile.

La comunicazione è un processo, se non lo si avvia, non succede nulla.

Per per avviare questo processo di comunicazione occorre la collaborazione dei Soci ADCI, e anche dei non soci che hanno a cuore il loro lavoro. Occorre la collaborazione di gente intelligente, anche nella critica, se vogliamo che la pubblicità, anche come ambiente di lavoro, sia migliore.

Se nessuno commenterà né a favore né contro, oppure se le critiche al lavoro del nuovo consiglio Adci avverranno solo attraverso le frecciatine anonime in altre sedi, vuol dire che il settore è ancora immaturo e incapace di evoluzione.

Questa non è una excusatio non petita o un modo preventivo per pararsi il sedere. È un modo per responsabilizzare i Soci Adci: qui potete scrivere e dire la vostra sui lavori e le scelte del Consiglio man mano che accadono. La responsabilità ultima delle decisioni è del Presidente. Lui ha il diritto sia di decidere, sia di sentirsi sostenuto dai soci che sono d’accordo con lui, o di conoscere le critiche dei soci quando una minoranza, più o meno grande, è contraria.

Ma, se nessuno dice niente quando le cose accadono, a cosa servirà formulare le critiche fra tre anni?

Sulle navi non si imposta una rotta e poi si dimentica il timone. Si fa il punto e si corregge la rotta ogni giorno.

2 thoughts on “Questo blog. Istruzioni per l’uso

  1. A me bocciofila brancaleone piace. È autoironico, ammette la critica e l’insuccesso come possibilità e quindi invita a partecipare.

Lascia un commento

Effettua il login con uno di questi metodi per inviare il tuo commento:

Logo WordPress.com

Stai commentando usando il tuo account WordPress.com. Chiudi sessione / Modifica )

Foto Twitter

Stai commentando usando il tuo account Twitter. Chiudi sessione / Modifica )

Foto di Facebook

Stai commentando usando il tuo account Facebook. Chiudi sessione / Modifica )

Google+ photo

Stai commentando usando il tuo account Google+. Chiudi sessione / Modifica )

Connessione a %s...